In primo piano:

Altre notizie:

ECCO IL TESORO DEI TULLIANI: LA LISTA COMPLETA DEI CONTI CORRENTI E DEGLI IMMOBILI SEQUESTRATI DALLA GDF

FINI INDAGATO : “PIENA FIDUCIA NELLA MAGISTRATURA”
ECCO IL TESORO DEI TULLIANI: LA LISTA COMPLETA DEI CONTI CORRENTI E DEGLI IMMOBILI SEQUESTRATI DALLA GDF

E’ un vero tesoro l’elenco degli immobili e dei conti correnti sequestrati all’alba di oggi dallo Scico della Guardia di Finanza a Elisabetta, Giancarlo e Sergio Tulliani.
La consorte di Gianfranco Fini, ex presidente della Camera, è indagata con il fratello e il padre per riciclaggio e autoriciclaggio: secondo la Procura di Roma, i tre familiari hanno ricevuto profitti illeciti per sette milioni di euro da Francesco Corallo , l’imprenditore catanese diventato miliardario con la concessione statale per le macchinette mangiasoldi (slot e vlt).
Corallo è stato arrestato il 13 dicembre nel paradiso fiscale di Sint Marteen con l’accusa di aver sottratto all’Italia oltre 250 milioni di euro.
L’inchiesta ora coinvolge anche Fini, indagato per concorso in riciclaggio.
L’ex leader di An ha comment ...

Leggi tutto


POST-MISSINI, IL CREPUSCOLO DI UNA FORTE TRADIZIONE POLITICA

DISPERSO UN PATRIMONIO POLITICO TRA SCANDALI, DIVISIONI E SCELTE DI CAMPO DISCUTIBILI
POST-MISSINI, IL CREPUSCOLO DI UNA FORTE TRADIZIONE POLITICA

Ben prima dell’avviso di garanzia a Gianfranco Fini (che peraltro non è una condanna), la vicenda politica che viene dal Movimento sociale, uno dei partiti “storici” della Prima Repubblica, aveva già subito una lunga sequenza di “infarti” che ne hanno reso residuale il peso politico sulla scena nazionale.
Un paradosso se si pensa che alcuni dei valori di quel partito sono tornati attualissimi nell’area della destra.
L’Msi, che era nato nel 1946 con l’idea di raccogliere in un partito tutto quel che idealmente si richiamava al regime mussoliniano e dopo aver vissuto per 45 anni ai margini del consesso politico (con forme di ghettizzazione), al crollo della Prima Repubblica sembrò potesse vivere una nuova stagione.
L’Msi si presentò a quel passaggio d’epoca con due “atout”: uno storico (una ...

Leggi tutto


INTERVISTA A BERLUSCONI: “SALVINI E’ UNO SBRUFFONCELLO, NON SARA’ LUI IL CANDIDATO PREMIER”

“VOTARE ADESSO E’ DA IRRESPONSABILI, NO ALL’USCITA DALL’EURO”
INTERVISTA A BERLUSCONI: “SALVINI E’ UNO SBRUFFONCELLO, NON SARA’ LUI IL CANDIDATO PREMIER”

“Non si può andare al voto a giugno. Le elezioni prima di novembre sono impossibili. Portare il Paese alle urne in queste condizioni è da irresponsabili”.

Il messaggio di Silvio Berlusconi è chiaro. È rivolto a Matteo Renzi ma soprattutto a Matteo Salvini che a volte è un po’ “sbruffoncello”.
Il leader forzista prende tempo. Anche perché il suo obiettivo è ricandidarsi per la settima volta: “Quando la Corte di Strasburgo mi restituirà questo diritto”.
Nel frattempo punta a una riforma elettorale completamente proporzionale e ammonisce il capo della Lega: “Saremo ancora alleati ma non sarà lui il leader del centrodestra”. E di certo Forza Italia non darà mai il suo sostegno a un governo guidato dal M5S.
Quindi presidente lei vuole ricandidarsi davvero?
“Non di ...

Leggi tutto


C'era una volta il Movimento Sociale Italiano

Ieri ricorrevano i 70 anni del Movimento Sociale Italiano, fondato e guidato per molti anni da Giorgio Almirante
C'era una volta il Movimento Sociale Italiano

Sono ormai passati 70 anni da quel lontano 26 dicembre 1946 quando Giorgio Almirante, Pino Romualdi e Augusto De Marsanich si riunirono nello studio di Arturo Michelini per fondare il Movimento Sociale Italiano.

La destra italiana, da quel momento fino all’avvento della Seconda Repubblica, ha avuto l’ostracismo della ‘conventio ad ex ...

Leggi tutto


CARO POLETTI, AVETE FATTO DI NOI I CAMERIERI D’EUROPA, LE SUE SCUSE NON LE ACCETTO”

LA LETTERA APERTA DI UNA RICERCATRICE ITALIANA EMIGRATA IN FRANCIA: “PRIMA CI AVETE COSTRETTO AD ANDARCENE, POI CI SBEFFEGGIATE”.
CARO POLETTI, AVETE FATTO DI NOI I CAMERIERI D’EUROPA, LE SUE SCUSE NON LE ACCETTO”

Caro Ministro Poletti,

le sue scuse mi imbarazzano tanto quanto le sue parole mi disgustano.

Siamo quelli per cui il Novecento è anche un patrimonio cinematografico invidiabile, che non inseguiva necessariamente i botteghini della distribuzione di massa, e lì imparammo che le parole sono importanti, e lei non parla bene.

Non da oggi.

A mia memoria da quando il 29 novembre 2014 iniziò a dare i numer ...

Leggi tutto


5STELLE: PAZIENZA FINITA, GRILLO TEME ALTRE GRANE GIUDIZIARIE, RAGGI SOTTO TUTELA, NON SI ESCLUDE NULLA

GLI ORTODOSSI SFIDUCIANO LA RAGGI E ACCUSANO DI MAIO CHE (COME DIBBA) TACE…MANCA IL CORAGGIO DI SFIDUCIARLA, SI ASPETTA UN AVVISO DI GARANZIA
5STELLE: PAZIENZA FINITA, GRILLO TEME ALTRE GRANE GIUDIZIARIE, RAGGI SOTTO TUTELA, NON SI ESCLUDE NULLA


Il Campidoglio e l’Hotel Forum distano pochi metri l’uno dall’altro.

Oggi però lo spazio che separa la “casa” di Virginia Raggi e la residenza romana di Beppe Grillo sembra interminabile. Beppe è sempre più deluso da Virginia, sul futuro non può escludere nulla, neanche l’addio cioè il ritiro del simbolo M5S.

Ufficialme ...

Leggi tutto


CON QUALE LEGGE ELETTORALE VOTEREMO LA PROSSIMA VOLTA?

I DUBBI DELLA CONSULTA SUL BALLOTTAGGIO E DUE SISTEMI DI VOTO INCOMPATIBILI. I GIUDICI POTREBBERO RITENERE ECCESSIVO IL PREMIO DI MAGGIORANZA AL PRIMO PARTITO
CON QUALE LEGGE ELETTORALE VOTEREMO LA PROSSIMA VOLTA?

Dopo il rinvio deciso a settembre in attesa del referendum, la nuova scadenza è arrivata: il 24 gennaio la Corte costituzionale deciderà il destino dell’Italicum, la legge elettorale per la Camera dei deputati.

Quel giorno 14 giudici (uno s’è dimesso un mese fa, Giuseppe Frigo di nomina parlamentare, ma non c’è aria che i partiti scelgano il successore in tempi brevi) si riuniranno al palazzo della Consulta e stabiliranno se la riforma è compatibile con la Costituzione.

...

Leggi tutto



LA MELONI MANDA AVANTI DONZELLI: “VIA LA FIAMMA DAL SIMBOLO DI FDI”

E’ L’UNICA COSA GIUSTA CHE HA DETTO: FDI E’ UN PARTITO REAZIONARIO CHE NON HA NULLA A CHE FARE CON IL MSI… SE VUOI CAMBIARE LINEA DEVI AVERE IL CORAGGIO DI CAMBIARE ELETTORATO E RISCHIARE QUALCHE POLTRONA
LA MELONI MANDA AVANTI DONZELLI: “VIA LA FIAMMA DAL SIMBOLO DI FDI”

«Via la Fiamma dal simbolo di Fratelli d’Italia».
A dirlo è Giovanni Donzelli, membro dell’esecutivo nazionale del partito guidato da Giorgia Meloni.
E della leader amico da anni, facendo parte a pieno titolo di quella «generazione Atreju», tanto da far pensare che sia stata lei a mandarlo in avanscoperta per “vedere l’effetto che fa”.
Donzelli ha affidato i suoi pensieri a un lungo post sul suo blog.
«L’ex centrodestra non esiste più - esordisce - e credo che per noi di Fratelli d’Italia sia il momento di iniziare a immaginare una nuova fas ...

Leggi tutto


CAMERA NEGA AUTORIZZAZIONE A UTILIZZO INTERCETTAZIONI: PD, FORZA ITALIA, FDI E SINISTRA ITALIANA SALVANO LUIGI CESARO

L’ACCUSA E’ DI CORRUZIONE E TURBATIVA D’ASTA NELLA VICENDA DELL’APPALTO SUI RIFIUTI… L’ESPONENTE DI FORZA ITALIA ERA PRESIDENTE DELLA PROVINCIA DI NAPOLI
CAMERA NEGA AUTORIZZAZIONE A UTILIZZO INTERCETTAZIONI: PD, FORZA ITALIA, FDI E SINISTRA ITALIANA SALVANO LUIGI CESARO

Pd e Sinistra italiana votano con Fratelli d’Italia e Forza Italia. 
Ed è così che l’Aula della Camera nega l’autorizzazione all’utilizzo delle intercettazioni telefoniche di Luigi Cesaro (Forza Italia) richiesto dal gip del Tribunale di Napoli il 14 aprile 2016.
Contro l’autorizzazione hanno votato in 285, i voti a favore dell’istanza dell’autorità giudiziaria sono 74: quelli del Movimento 5 Stelle e Scelta civica.
Mentre 20 sono stati gli astenuti (Lega).
L’inchiesta riguarda il periodo in cui Cesaro era Pr ...

Leggi tutto


ROMA, AVANTI COI RAGGI-RI: MARRA SPOSTATO AD ALTRO INCARICO, FRONGIA VICESINDACO “POLITICO” NON PIU’ CAPO DI GABINETTO

DOPO L’EX UOMO DI ALEMANNO, ANCHE FRONGIA COSTRETTO A CAMBIARE RUOLO: CONTINUA LA LOTTA INTERNA AI CINQUESTELLE
ROMA, AVANTI COI RAGGI-RI: MARRA SPOSTATO AD ALTRO INCARICO, FRONGIA VICESINDACO “POLITICO” NON PIU’ CAPO DI GABINETTO

Raffaele Marra, il dirigente pubblico da poco destinato dalla sindaca di Roma Virginia Raggi al ruolo di vicecapo di Gabinetto, “sarà spostato ad altro incarico”.
E’ quanto si apprende dal Campidoglio.
La giunta Raggi, che sarebbe al completo, sarà invece presentata alle 15 di giovedì 7 luglio, confermano fonti vicine alla prima cittadina.
Anche Daniele Frongia, braccio destro del primo cittadino, potrebbe lasciare la carica di capo di gabinetto per diventare vicesindaco ‘politico’
La guerra interna  tra i 5 ...

Leggi tutto



Dal nostro archivio: